A Caserta riparte il Tetaro Civico 14

Con la presentazione della nuova stagione teatrale 2011/2012 stamane in conferenza stampa il Teatro Civico 14 riconferma la sua appartenenza alla città, il suo legame con un pubblico di amici e appassionati d’arte, la sua volontà di porsi sempre più come avamposto culturale perennemente aperto e in continuo divenire, centro nevralgico di una città che, come ha sostenuto il direttore artistico Roberto Solofria, “ha iniziato a stropicciarsi gli occhi, a svegliarsi”. E il risveglio passa anche da qui: da questa piccola fabbrica di sogni che, anche per questa stagione, come da 3 anni a questa parte, si presenta con un offerta teatrale alternativa, ricchissima, di alta qualità e a costi contenuti a conferma di quel carattere “civico”, cioè concernente tutti i cittadini, che muove chi di un sogno ne ha fatto una scelta di vita.
Due i macrofiloni che caratterizzeranno la terza stagione artistica ideata dallo stesso Solofria con Rosario Lerro e Ilaria Delli Paoli: il primo è Mutamenti Teatrali che parte il 1° ottobre con l’anteprima nazionale dello spettacolo “Pierre e Jean” per la regia di Rosario Sparno, tratto da un romanzo di Maupassant e scritto da Massimiliano Palmese, che firma anche l’omaggio ad Annibale Ruccllo “Quattro mamme scelte a caso” e “Il primo processo di Oscar Wilde” il racconto sconvolgente di come il genio letterario riuscì a trasformare il processo a suo carico in un opera d’arte, come fece con tutta la sua vita. Il regista Roberto Azzurro, presente in sala, ha voluto porre l’attenzione sull’attualità del tema trattato nella piece teatrale, di particolare rilevanza nel giorno del grande outing di massa contro l’ipocrisia.
A seguire sarà la volta di Toni Servillo che emozionerà il pubblico del teatro con “Giuseppina la cantante, ovvero il popolo dei topi” di Kafka. “Una presenza quella di Toni – ha dichiarato Solofria – che ci riempie d’orgoglio. Malgrado lo spazio ridotto ha deciso di essere qua con noi, oltre che per l’amore che prova per questo teatro e l’amicizia che lo lega a noi, anche per dimostrare a tutta la città che si può, si deve fare!”. Altra presenza importante di un casertano d’eccezione è quella di Roberto De Francesco, che porta in scena “Il Cappotto” di Gogol’ per la regia di Pappi Corsicato.
Tre graditi ritorni arricchiscono la proposta artistica del teatro: Marco D’Amore, con la Piccola Società, ripropone l’apprezzatissimo L’Aquario, Andrea Renzi – che presenta anche “Una solitudne tropo rumorosa”, anteprima nazionale di Teatri Uniti – riporta in scena “Un sasso nella testa” con Francesco Paglino mentre Rosaro Lerro riporta a casa “Enrico l’ultimo”.
E ancora da Virgilia Wolf a Pennac, da Teatri Uniti a Teatro di Legno, da Moliere a Pirandello, da l’Incoronata di Emanuele Trirelli al Piccolo Principe in un alternarsi di compagnie provenienti da tutta Italia, di registi conosciuti e non, di tematiche attuali, di riferimenti letterari, di emozioni..
L’offerta teatrale del Civico quest anno si tinge anche un po’ di rosa: sono tanti infatti gli spettacoli al femminile che solcheranno il palo del piccolo teatro indipendente casertano. Si parte con “Peripezie di una vedova” di Silvana Grasso, si passa per “Stanza di Orlando” di Carmen Giordano, e si arriva a “Libellule senza ali”, che affronta il tema della violenza verso le donne, e “Malammore”, che invece tratta la violenza “delle” donne, mettendo in scena personaggi feroci e coloriti sullo sfondo di una crudele Ercolano. “Malammore” rientra, come molte altre opere, nella rassegna “Emergenze Teatrali”: uno spazio per le compagnie teatrali indipendenti, giovanissime e non, che spesso incontrano enormi ostacoli ad esibirsi e che trovano nel piccolo teatro nel cuore di Caserta l’occasone per portare in scena opere che vi lasceranno a bocca aperta per la loro qualità e originalità: tra tutti Genova d’amare di Giuseppe Grillo, spettacolo teatrale con live musicale in onore ai cantautori genovesi, Cave Canem di Francesco Folrlani lo spettacolo di mimo portato da Antoni Konkra Alemanno direttamente dalla Finlandia e infine l’anteprima nazionale del primo spettacolo diretto da Ilaria Delli Paoli e interpretato da Antimo Navarra “Viola (Io ti amavo)”. Ilaria Delli Paoli quest’anno porterà in scena anche l’eroina protagonista di “Rivoluzione d’amore” esodio alla scrittura teatrale di Marilena Lucente per la regia di Roberto Solofria
Tra le novità di quest’anno “Laudadio Duo”, concerto dei fratelli Toni e Corrado, “La Sacra famiglia”, tragicommedia musicale de I Pennelli di Vermeer e “UA3, ovvero come continuammo a inguaiare la musica”, trasmissione radio di Radio NK e concerto dei Klippa Kloppa; e ancora la rassegna “teatro a cappello” dove – come spiega Domenico santo – “si entra gratis e si esce pagando” (nel senso che lo spettacolo sarà a ingresso libero con la possibilità di lasciare un offerta alla compagnia, come già accade in alcune città d’Italia e nel mondo), la rassegna a cura di Eugenio Tescione e Ortensia De Francesco “Suona visibile la parola” che, sulla scia del successo del reading proposto lo scorso anno “Muore ignominiosamente la Repubblica”, propone letture pubbliche aperte a tutti di poesie a tema e le proiezini ed incontri con registi organizzati da Cinema dal Basso, che culmineranno a Maggio con il la terza edizine del Festival del Cinema Indipendente.
Infine il corso di Tai Chi a cura di Floriana Figliomeni di Artemisia, il corso di Scrittura creativa e alfabetizzazione al cinema a cura della Blow Up Film, il corso di fotografia con marco Ghidelli, lo stage di mimo corporeo a cura della scuola Moveo di Barcellona e naturalmente gli ormai celebri laboratori teatrali per adulti, ragazzi e bambini condotti da Mutamenti. Alla faccia di chi dice che a Caserta non si fa nulla!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...