Gianfranco Pannone

GIANFRANCO PANNONEPremio della giuria al Festival del Cinema di Roma, Premio Bizarri e Premio miglior documentario italiano al Torino Film Festival, solo per citarne alcuni, Pannone è tra i principali documentaristi italiani. Laureato in Storia e critica del cinema alla Sapienza e diplomato in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, tra il 1990 e il 1998, ha diretto e prodotto i film documentari “Piccola America”, “Lettere dall’America” e “L’America a Roma” (la Trilogia dell’America), “Latina/Littoria”, “Kelibia/Mazara”, “Pomodori”, “Sirena operaia”, “Viaggio intorno alla mia casa”, “Venezia, la città che affonda”, “Pietre, miracoli e petrolio”, “Benvenue chez Casetti”, “100 anni della nostra storia”, nella cinquina finale dei David di Donatello 2007, la docuserie “Cronisti di strada”, “Il sol dell’avvenire” – ideato e scritto con Giovanni Fasanella e presentato come evento speciale al Festival Internazionale del Cinema di Locarno, alla Biennale del 2008, all’International Documentary Film Festival di Londra e nella cinquina finale dei Nastri d’argento 2009 – “ma che Storia…”, film di montaggio prodotto da Cinecittà Luce e presentato nel corso dell’edizione 2010 del Festival Internazionale del Cinema di Venezia, oltre che in molte città del mondo come opera rappresenta i 150 anni dell’Unità d’Italia, “Scorie in libertà”, presentato nella sezione internazionale del Festival Cinemambiente di Torino 2012 e, come evento speciale, al Festival del Nuovo Cinema di Pesaro ed “Ebrei a Roma”, presentato come Evento Speciale all’edizione 2012 del Festival del Cinema di Roma. Quest’anno ha ultimato il mediometraggio “Trit cme la bula” e il lungometraggio “Sul vulcano”. I suoi lavori gli sono valsi partecipazioni e riconoscimenti in molti festival italiani e internazionali e la messa in onda sulle principali televisioni europee.

Ha diretto anche alcuni spettacoli teatrali, i corti “Immota manet”, “Linee di confine”, “Aprilia”, “Le pietre sacre della Basilicata”, “Graziano e le sue donne” e il lungometraggio di finzione “Io che amo solo te”.
Socio fondatore di Doc/It e attivo nell’associazione 100autori, insegna Cinema documentario al Dams di Roma Tre e regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e dell’Aquila. Saggista e autore, ha scritto con Giovanni Fasanella “Il sol dell’avvenire”, diario tragicomico di un film politicamente scorretto, con Mario Balsamo “L’officina del reale – Fare un documentario dall’ideazione al film” e “Docdoc – dieci anni di cinema e altre storie”. Scrive sulla rivista online Il Documentario.it ed è responsabile della sezione Open eyes del Medfilm Festival di Roma.

Trailer “Ma che storia…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...