The Gentlemen’s Agreement

180701_125704537499076_7846448_n

Il progetto nasce a Napoli nell’Agosto del 2006 sull’idea di sonorità “Speed Country” ed esordisce con i due EP autoprodotti “The Gentlemen’s Agreement”“Cow”, che portano la band in giro per live in tutta Italia e sulle pagine delle principali riviste e fazine undferground e gli valgono un contratto con l’etichetta indipendente partenopea “Materia Principale” con cui, nel 2008, esce il primo full lenght “Let Me Be a Child”, distribuito dalla Family Affair, registrato da Massimo D’Avanzo totalmente in acustico con l’ausilio della “Little farm Orchestra” (una divertente ensamble di fiati, rumori vari, pernacchie, banjo, harmonium e fisarmoniche), con mastering effettuato a Brooklyn da Alan Douches (Ben folds five, Sufjan Stevens, Langhorne Slim) e artwork realizzato dal giovane artista napoletano Roberto Amoroso. Nel 2009 il gruppo realizza il suo primo video “Blonde Country Girl” trasmesso dalle principali emittenti televisive (Mtv, All Music, Matchbox, Deejay Tv) e inizia un tour per tutta Italia e per la Francia

Il loro secondo lavoro, “Carcarà” segna una rielaborazione del linguaggio stilistico del gruppo ed, al tempo stesso, una notevole maturazione in fase di composizione ed arrangiamento: le sonorità si aprono alle nuove influenze del Son Cubano anni ’50/’60 , ai ritmi africani, alla Samba, Bossa Nova, tropicalismo. Registrato tutto in acustico all’ITALY SOUND LAB dal fonico Alfonso La Verghetta, con mastering tutto su nastro a cura di Massimo Pone alla Godfather Studio di Napoli e con artwork e video (“Let Free Your Fun”), realizzati da Alessandro Rak (autore del pluripremiato film d’animazione “L’Arte della Felicità”), l’album riporta la band di nuovo in un lungo tour che culmina sul palco  dello Sziget Festival. Il marzo del 2013 vede l’uscita di un EP (“Da…da…da Quando ci sei tu”) registrato totalmente in presa diretta da Stefano Manca, ingegnere del suono e proprietario del gigantesco Sud Est Studio (Guagnano, Lecce) sui sentieri dell’Erotic Swing, un miscuglio di “vecchia canzone carosoniana” e “Cicciolina sound”: per il singolo viene realizzato un videoclip scritto e girato da Giovanni Iavarone e l’EP diventa colonna sonora dello spettacolo “Dignità Autonome di Prostituzione” di Luciano Melchionna, per le rappresentazioni tenute al Teatro Bellini di Napoli, al Teatro Ambra Jovinelli di Roma e al Teatro Paisiello di Lecce.
“Apocalypse Town”, uscito ad Agosto del 2014 per l’etichetta Subcava Sonora, con Sfera Cubica come ufficio stampa e ASAP ARTS come agenzia booking, è il loro quarto album, nato utilizzando una forma alternativa e sostenibile di finanziamento per le registrazioni (anche questa volta al Sud Est Studio di Guagnano) e per la pre-produzione (un appartamento nel quale comporre, suonare e vivere nel Lanificio 25 di Napoli): il baratto. Il let motive dell’album, in italiano e con sonorità ancora una volta nuove, nate dall’autocostruzione di un campionario di strumenti rumorosi che hanno dato vita ad un particolare mix PSYCHO/INDUSTRIAL/SAMBA, è la storia di una scelta coraggiosa: l’abbandono del sistema fabbrica/città. Il disco è il primo uscito fuori dal sistema SIAE, in Creative Commons.

https://www.facebook.com/TheGentlemensAgreement

Video “Apocalypse Town”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...