alice

Giunto quest’ anno alla sua quinta edizione consecutiva sotto la direzione artistica di Giusi Ricciato, il Festival del Cinema dal Basso (10-11 Maggio 2014, Caserta) si conferma evento chiave per la scena culturale della nostra città, appuntamento imperdibile per appassionati e artisti indipendenti impegnati a vario titolo nella settima arte e fulcro di un movimento sotterraneo che, proprio dal basso, mira a creare improbabili e proficui incontri e connessioni sulle basi del comune amore per un cinema diverso, indipendente, appassionato. Il festival, che quest’ anno si arricchisce della partnership con la Città del Libro di Campi Salentina (Lecce), apre ogni anno uno squarcio originale nel panorama cinematografico locale, in cui trovano posto le avanguardie del nuovo cinema orientale e i talenti sconosciuti di casa nostra, le nuove produzioni del cinema indipendente di tutta Europa  e le più interessanti scoperte della Mostra del Cinema di Venezia, i piccoli gioiellini selezionati da Cinema dal Basso in giro per i festival di tutta Italia ed il meglio delle produzioni indipendenti di casa nostra; alle proiezioni di affiancano inoltre mostre, concerti e incontri con registi, sceneggiatori e produttori del panorama cinematografico indipendente italiano. Il tutto partorito con passione, costanza e sacrifici, da professioniste del cinema, della comunicazione e della grafica, ed accolto in uno spazio, il Teatro Civico 14 di Caserta, che da sempre ha spalancato le sue braccia a questo progetto, confermandosi calderone  ideale di scambi sinergici tra maestranze cinematografiche in cui trovano terreno fertile forme di espressione indipendenti, idee innovative, collaborazioni interessanti ed esperimento sulle modalità di aggirare gli alti budget notoriamente imposti da quest’arte, ma anche opportunità lavorative per dar vita a nuovi progetti, fondati su criteri di creatività, indipendenza e libero scambio tra culture.

Il Festival rappresenta, in tal senso, il punto di avvio di un processo di distribuzione indipendente che, capovolgendo i cliché imposti dalle grandi case di distribuzione, garantisca una circolazione e una visibilità, sul web e tramite eventi cinematografici innovativi e curatissimi, a cortometraggi, lungometraggi e documentari di grande valore spesso relegati a circuiti secondari che non gli rendono merito. Il Festival del Cinema dal Basso, accogliendo nella sua rete un’ampia selezione di opere provenienti da circuiti sotterranei di tutto il mondo, garantisce ad esse la massima visibilità nei suoi spazi e in un canale telematico che funga da stimolo per contatti con eventi legati al mondo del cinema. Le opere selezionate dalla nostra giuria, infatti, oltre ad essere proiettate nel corso del festival, entreranno a far parte di un “contenitore” artistico a cui attingere e in cui far confluire realtà a diverso titolo impegnate nel circuito cinematografico (registi, sceneggiatori, fonici, fotografi, ecc). La partecipazione al festival è assolutamente gratuita e non sono previsti premi in denaro per i partecipanti: le opere, tutte accuratamente selezionate da esperti di cinema e tutte di altissimo valore tecnico e narrativo, vengono premiate esclusivamente con la massima visibilità e diffusione possibile. Questo perché Cinema dal Basso rifugge il luogo comune della speculazione economica sull’opera d’arte e propone invece di liberare artista e opera dalle logiche commerciali per invitarli ad unirsi ad un circuito in cui l’opera incoraggi riflessioni negli spettatori e venga apprezzata in base al suo esclusivo valore artistico da pubblico, cineasti e amanti della settima arte mossi unicamente da una sincera e genuina passione per il cinema.

Tra gli ospiti delle scorse edizioni, presentate dal direttore artistico di Caserta Film Lab Francesco Massarelli, il direttore di “Quaderni di Cinemasud” Paolo Speranza, i registi Barbara Rossi Prudente (premio Solinas), Romano Montesarchio (vincitore, tra gli altri, del Premio Roma Doc Fest), Luigi Marmo (vincitore del Festival Linea d’Ombra,) Angelo Cretella (vincitore del Giffoni Film Festival), Giuseppe Marco Albano (candidato ai David di Donatello e vincitore dei Nastri d’Argento,) Mario Balsamo (vincitore del Torino Film Festival), Pietro Marcello (vincitore di numerosi premi al Festival del Cinema di Venezia e a svariati Festival italiani ed internazionali), Pippo Mezzapesa (eccellenza del cinema indipendente italiano, le cui opere sono state proiettate ai festival di Venezia e Roma e candidate ai Nastri d’Argento, David di Donatello e Globo d’Oro), il pluripremiato documentarista Gianfranco Pannone, Costanza Quatriglio (autrice di opere premiate e proiettate ai più importanti Festival italiani ed internazionali, premiata a Venezia), il giovanissimo Enrico Iannaccone (premiato al Festival di Milano e David di Donatello 2013),  Luca Ragazzi e Gustav Hofer (Menzione speciale a Berlino e Nastro d’Argento 2009) ed il collettivo Insu^tv, telestreet vincitrice del premio Visioni Italiane.

Condizioni di partecipazione

Scheda d’iscrizione

English

Espanol

alice

El Festival de Cinema dal Basso pone en marcha su quinta edición, tras el éxito de las anteriores en cada una de la cuales se recibieron más de 300 obras. De esta forma, y gracias a la pasión de los organizadores y de los que lo apoyan, el festival de cine independiente, único en el territorio casertano, se consolida como una realidad cultural de amplia visibilidad y una ocasión para las producciones y las pequeñas distribuciones europeas de dar a conocer sus obras en Italia.

El Festival Cinema dal Basso, que este año tendrà lugar en los dias 10-11 mayo 2014 en el Teatro Civico 14 de Caserta, tiene como  objetivo crear una red suburbana que una a artistas independientes dedicados al séptimo arte. Así pues, se configura como un marco abierto a intercambios sinérgicos entre profesionales del cine en el que los artistas pueden desarrollar nuevas formas de expresión independientes, nuevas ideas, o interesantes colaboraciones. Además, el festival se convierte en una alternativa a los límites notoriamente impuestos a este arte por los grandes presupuestos. Sin olvidar que  también ha hecho posible la gestación de oportunidades de trabajo para crear proyectos nuevos, que se asientan en criterios que nacen de la creatividad, la autonomía y el libre intercambio intercultural. En este sentido el Festival representa el punto de partida de un proceso de distribución independiente que, invirtiendo los clichés impuestos por las grandes compañías de distribución, garantiza una circulación y una visibilidad de obras con gran valor artístico. Obras que a menudo quedan relegadas a circuitos secundarios en detrimento de la calidad que presentan.

Cabe señalar que el Festival del Cinema dal Basso acoge en su red una gran selección de obras procedentes de la cultura alternativa de todo el mundo, con la finalidad de garantizar la máxima visibilidad de estas obras en sus espacios y en un canal telemático que, a su vez, sirva de guía y contenedor artístico con diferentes realidades dentro del circuito cinematográfico. Además, este marco que se crea entorno al festival ayuda a los directores independientes a darse a conocer y a contactar con otras personas del mundo del cine. En definitiva,  les abre puertas de cara a mostrar sus trabajos en otros festivales o certámenes.

Un evento único que recoge nuevas formas de expresión artística sin ánimo de lucro y fuera de esquemas, que su vez estimulen cierta reflexión sobre los rasgos más profundos de un cine nuevo, independiente, experimental y permiten a los artistas expresarse libremente. El Festival del Cinema dal Basso no prevée compensaciones económicas: las obras, todas cuidadosamente examinadas por un grupo de expertos en cine y todas con un alto nivel técnico y narrativo, se premian exclusivamente con la máxima visibilidad y difusión posible. Cinema dal Basso, más allá de seguir los dictámenes de la especulación económica sobre la obra de arte, se propone en cambio liberar el artista y sus obras de las lógicas comerciales para que éste pueda unirse a un circuito donde su obra sea apreciada únicamente por su valor artístico por parte del público, los cineastas y otros amantes del séptimo arte, animados únicamente por una sincera y genuina pasión por el cine.

El Festival, que desde este año goza de una partnership con la Città del Libro de Campi Salentina (Lecce), en cada edición enriquece el panorama cinematográfico local con sus originales propuestas: desde las vanguardias del nuevo cine oriental hasta los talentosos desconocidos local, desde las nuevas producciones cinematográfica independientes europeas hasta las mas interesantes descubiertas de la Mostra del Cinema de Venezia, las pequeñas, preciosas obras seleccionadas por  Cinema dal Basso entre los festivales de toda Italia y Europa son presentadas al publico juntas con exposiciones, conciertos, encuentros con directores de cine, actores, guionistas y productores del panorama cinematográfico independiente italiano: todo dado a la luz con pasión, perseverancia y esfuerzos por profesionales de cine, comunicación y grafismo y acogido por el Teatro Civico 14 de Caserta, que desde el principio abrió sus puertas a este proyecto, ideal arsenal de intercambios sinergicos entre amantes de cine en que encuentran tierra fértil formas de expresión independiente, ideas innovadoras y nuevas colaboraciones.

Entre los invitados de las pasadas ediciones, presentadas por el director artístico de Caserta Film Lab Francesco Massarelli, el director de “Quaderni di Cinemasud” Paolo Speranza, los directores del cine Barbara Rossi Prudente (Premio Solinas), Romano Montesarchio (Premio Roma Doc Fest), Luigi Marmo (Festival Linea d’Ombra,) Angelo Cretella (Giffoni Film Festival), Giuseppe Marco Albano (Nastro d’Argento y candidato a los David de Donatello), Mario Balsamo (Torino Film Festival), Pietro Marcello (ganador de muchos premios en el Festival de Cine de de Venezia y numerosos otros festivales italianos y internacionales), Pippo Mezzapesa (excelencia del cinema independiente italiano,  cuyas obras han sido proyectadas en los festivals de Venezia y Roma y candidatas a los Nastri d’Argento, David de Donatello y Globo de Oro), el pluripremiado documentalista Gianfranco Pannone, Costanza Quatriglio (autora de obras premiadas y proyectadas en los festival italianos y europeos mas importantes y premiada también en Venezia), la joven promesa del cine italiano Enrico Iannaccone (Festival de Milano y David de Donatello 2013), Luca Ragazzi e Gustav Hofer (Mencione especial en Berlino y Nastro d’Argento).

Ufficio stampa e comunicazione: Valentina Sanseverino

Progetto grafico: Novella Morrone                                             

Logo

 

 

 

 

 

 

 

 

Condiciones de participacion y papeleta de inscripcion aqui

Estamos tambien en Clik for Festivals

BANNER 300X265

aliceThis year, the 5th annual Festival of Cinema dal Basso will take place, once more, under the artistic direction of Giusi Ricciato. This Festival (Caserta, May 10th -11th 2014) is the key event of the cultural scene of our city, a not be missed appointment for the cinema fans and all the independent artists who faces, covering different roles, the seventh art and the cornerstone of an underground movement which, starting from the bottom, aspires to create unlikely and profitable meetings and connections based on the common love for a different, independent and passionate cinema.

The Festival, this year enriched by the partnership with the Città del Libro di Campi Salentina (Lecce),  produces an original burst into the local cinematographic scene, where the avant-garde of new eastern cinema and the unknown homegrown talents, the new production of the independent cinema coming from all over Europe and the most interesting discoveries of the Venice Film Festival, the small jewels selected by Cinema dal Basso from independent European film festival and the best of the local cinematographic production find their ideal place. Exhibitions, concerts and meetings with filmmakers, scriptwriters and producers of Italian independent cinema scene will be organized during the showings.

Everything will be realized, with passion, perseverance and sacrifice, by a group of cinema, communication and graphic professionals and welcomed at the Teatro Civico 14 in Caserta, that has always spread its arms to this project, ideal cauldron of synergic exchanges among the cinematographic workforce, where it is possible to find the rich soil for the independent expressions, innovative ideas and new collaborations.

The announcement of selection for the event is online on the web site www.cinemadalbasso.wordrpress.com. It is open to short films, feature-films, documentaries, animations, video clips and video installations. The attendance is free and no prize will be provided for the participants: the works, each one accurately selected by some cinema experts and all of them showing a very high technical and narrative worth, will be awarded according to the high visibility and diffusion as possible; above all that, they will be shown during the festival, indeed, they’ll be part of an artistic “container” to glean to and into which different realities, involved in many ways in the cinematographic circuit, can flow into. Cinema del Basso, in fact, shrink from the common place of the economic speculation of the work of art, proposing instead to free the artist and his work from the commercial mentality, inviting him to join to a circuit, where the work of art encourages viewers’ breathing space, being appreciated by audience, film-makers and lovers of the seventh art, pushed by a sincere and genuine passion for cinema, according to its exclusive artistic value.

Among the guests of the previous events, presented by the artistic director of the Caserta Film Lab Francesco Massarelli, you find Paolo Speranza the director of “Quaderni di Cinemasud”, the filmmakers Barbara Rossi Prudente (Solinas Award), Romano Montesarchio (Roma Doc Fest Award), Luigi Marmo (Festival Linea d’Ombra), Angelo Cretella (Giffoni Film Festival), Giuseppe Marco Albano (Nastro d’Argento and nominated for the David di Donatello Award), Mario Balsamo (Torino Film Festival), Pietro Marcello (winner of different awards at the Venice Film Festival and various italian and international Festivals), Pippo Mezzapesa (who excels in the indipendent italian cinema, whose works were shown at the Venice and Rome Film Festival and even nominated for the Nastri d’Argento and the Globo d’Oro), the multi-award documentary maker Gianfranco Pannone, Costanza Quatriglio (awarded in Venice and the creator of some award winning works shown at the most important Italian and international festivals), the young Enrico Iannacone (Milano Film Festival and David di Donatello in 2013), Luca Ragazzi e Gustav Hofer (special mention at the Berlin Film Festival and Nastro d’Argento winner).

LogoUfficio stampa e comunicazione: Valentina Sanseverino

Progetto grafico: Novella Morro

Conditions of participation and registration form here

You can find us even on:   Click for Festivals

clickforfestivals blanco

 

le-lesbiche-non-esistono-770x421

Cinema dal Basso, comitato organizzatore delle prime quattro edizioni autofinanziate del Festival di Cinema Indipendente di Caserta e network per la promozione e diffusione della cultura cinematografica indipendente in Terra di Lavoro, lancia un nuovo, imperdibile ed anticonvenzionale appuntamento.

Nel giorno di S. Valentino, proprio in occasione della festa più sdolcinata, inflazionata, patetica e commerciale dell’anno, abbiamo preparato per voi un viaggio cinematografico ironico, combattivo, antisessista, commuovente, sessualmente eclettico e un pó piccante, attraverso le “mille e uno” facce dell’amore, tra disabili e Lgtb (Lesbiche, Gay, Bisexual & Transgender).

Organizzato in collaborazione con CasertaFilm Lab – associazione di cinefili casertani divenuta punto di riferimento per la diffusione, promozione e valorizzazione della cultura cinematografica attraverso proiezioni di film, dibattiti, mostre, concerti, corsi, pubblicazioni, ecc – e presentato da Francesco Massarelli per la direzione artistica di Giusi Ricciato, l’evento si inserisce in una serie di iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza verso le mille e uno facce dell’amore.

Nostri partner sono infatti l’Associazione Patatrac, che dalle 17.30 sarà in Piazza Dante per la tappa casertana dell’iniziativa internazionale One billion rising for justice – un flash mob contro la violenza sulle donne – ed il Collettivo Antifascista OmoSessuale Caos che, a partire dalle 16.30 sempre nella stessa piazza, organizza il contest fotografico La Coppia Più Dolce e che sarà ospite di Cinema dal Basso per raccontare l’esperienza di giovanissimi omosessuali tra i banchi di scuola. Nostra ospite anche Maria Luisa Mazzarella, che farà il punto sulla situazione della comunità Lgtb campana, tra passato, presente, futuro, pregiudizi, lotte e tanto tanto..Pride!

Un occasione per ironizzare e riflettere, nell’amichevole e accogliente cornice del Teatro Civico 14, in Vicolo della Ratta 14 a Caserta, su vero significato della festa dell’amore, perché sia davvero la festa di tutti, ma proprio tutti, quelli che si amano.

Programma della manifestazione:

18.00 – Un Bacio per il Pride, AllunaggioFilm (2013), 4’32’’

18.05 – Sesso, Amore e Disabilità, A.Silanus, P.Berardi, R.Lelleri, V. Alpi, J. Mastellari (2013), 105’

20.00 – Buffet della Nonna offerto da Cinema dal Basso

20.50 – Intervento di Maria Luisa Mazzarella, Ricostituzione Movimento Lgbt Caserta: Vita, Morte e Miracoli del movimento Lgtb in Campania

21.00 – Le lesbiche non esistono – Doc, L. Landi & G. Selis (2012), 60’

22.05 – NO all’Omofobia, SI alla diversità, Carla Pol (2013), 5’11’’

22.10 – Intervento di Luca De CristofaroCAOS – Collettivo Antifascista Omosessuale: L’omosessualità tra i banchi di scuola

22.20- Les amour immaginaire, Xavier Dolan (2010), 101′

Immagine  —  Pubblicato: 11 febbraio 2014 in cineforum, festival del cinema indipendente, info cinema dal basso
Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

download

C’è tempo fino 28 febbraio 2014 per partecipare al My wall contest, il concorso per cortometraggi dedicato ai 25 anni della caduta del Muro di Berlino, che mette in palio per i vincitori un premio di 1500 Euro e un viaggio nella capitale tedesca.

Il concorso internazionale che celebra i 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino - era infatti il 9 novembre 1989 – è stato lanciato dal Goethe-Institut in collaborazione con il Cortoons Festival ed è rivolto a cortometraggi animati ispirati a questo storico avvenimento. Autori, professionisti e studenti appassionati del cinema d’animazione sono invitati a concorrere esprimendo liberamente e creativamente la propria visione artistica della caduta della frontiera tra Berlino Est e Berlino Ovest. 

27283743_my-wall-contest-concorso-di-per-25-anni-della-caduta-del-muro-di-berlino-3

La partecipazione al concorso è gratuita ed aperta a studenti, tirocinanti e diplomati di scuole di cinema d’animazione internazionali o di altri enti di formazione, animatori freelance, produttori di film d’animazione, senza limiti di età e nazionalità purché i lavori siano inediti ed i partecipanti non siano dipendenti né familiari di dipendenti del Goethe-Institut e, se minorenni, che abbiano il consenso dei propri tutori legali. Sono ammessi collages, cut-out, cartoni animati, animazioni 2D e 3D, animazione al computer, animazioni di marionette, clay animation, animazioni digitali, combinazioni di sequenze animate con riprese di scene reali e tecniche di animazione affini, senza esclusioni. I corti presentati dovranno avere durata tra 1 e 5 minuti, inclusi titoli di testa e coda. Per i requisiti di partecipazione vi invitiamo a leggere il regolamento.

Tra i concorrenti saranno selezionati, entro marzo 2014, 4 vincitori che potranno aggiudicarsi:

Premio del Goethe-Institut: un viaggio a Berlino per due persone, incluso volo a/r e soggiorno di 3 notti in hotel 4 stelle. Il film d’animazione premiato verrà inoltre distribuito attraverso i canali di diffusione del Goethe-Institut in tutto il mondo;
Premio del pubblico: un premio in denaro del valore di 1500 euro, assegnato al vincitore selezionato direttamente dal pubblico tramite un voto online su Facebook;
Premio del Festival Cortoons: il corto d’animazione premiato verrà mostrato per un mese sui 4 canali del Festival Cortoons;
Premio del Goethe-Institut/Festival Cortoons per le scuole: un viaggio a Roma in occasione del Festival Cortoons durante il mese di marzo 2014.

Per partecipare, basterà inviare entro il 28 febbraio 2014 il modulo di partecipazione disponibile sulla pagina web del concorso ed il video realizzato in formato .avi, .mov o .mpeg2, via We Transfer all’indirizzo films@mywallcontest.com, seguendo le indicazioni riportate nel regolamento.

In bocca al lupo da Cinema dal Basso

Image

Ci sarà anche Cinema dal Basso alla XIX edizione della Rassegna Internazionale degli Autori e degli Editori, che si terrà dal 12 al 15 dicembre 2013 presso il Centro Fieristico di Campi Salentina (Lecce).

Una selezione di cortometraggi e documentari a cura dell’associazione di cineaste indipendenti diretta da Giusi Ricciato farà da cornice ad una longeva e fortunata manifestazione, che quest’ anno si propone come tavola rotonda attorno a cui si raccoglieranno autori e artisti provenienti da ogni angolo del Mediterraneo, uniti dallo slogan “All Different, All Equal”. E’ questo fil rouge che intreccia i tre temi centrali della manifestazione – bacino del Mediterraneo, uguaglianza di genere ed ecosostenibilità – intorno a cui orbiteranno 160 ospiti (di cui 25 internazionali), 80 presentazioni di libri, 11 spettacoli, 2 eventi, 8 incursioni musicali, 21 reading teatrali, 5 workshop e ancora flash mob, book sharing, mostre, incontri con autori locali, nazionali ed internazionali emergenti e non, e nomi di rilievo della scena culturale italiana quali Marco Travaglio – che presenterà il nuovo spettacolo “E’ Stato La Mafia” con Isabella Ferrari -, Mario Venuti e Salvatore Cosentino.

Quest’ anno la manifestazione, che sarà seguita con dirette quotidiane in fm e streaming da Salentuosi.it in collaborazione con Affari Italiani su La Radio Sale, farà da cassa di risonanza al comitato  Lecce 2019 Capitale della Cultura, sposerà una filosofia tutta green grazie alla collaborazione con Ecofesta Puglia e si arricchirà dell’iniziativa Treni a Vapore, che riempirà di bambini un antico treno per percorrere la tratta Campi-Nardò tra musiche e reading ad ogni fermata.

In questo frizzante e suggestivo scorcio culturale Cinema dal Basso, già attivo organizzatore delle prime quattro edizioni del Festival di Cinema Indipendente di Caserta e di numerose iniziative ed eventi cinematografici, curerà la proiezione di opere a tema con lo spirito della manifestazione provenienti da diversi angoli del Mediterraneo, selezionate o vincitrici di svariati festival internazionali. Tra queste Le lesbiche non esistono di Laura Landi e Giovanna Selis, provocativo docufilm sulla discriminazione dell’omosessualità femminile, Arapha, la ragazza dagli occhi bianchi di Romano Montesarchio, viaggio nel passato di una giovane albina d’Africa sfuggita ad un orribile tentativo di mutilazione, Una montagna di balle di Nicola Angrisano (voce narrante di Ascanio Celestini), video inchiesta collettiva indipendente su 15 anni di gestione dei rifiuti in Campania, Just about my finger di Paolo Martino, storie di confini e impronte digitali di giovani clandestini a caccia di un sogno chiamato Europa, L’approdo delle anime migranti di Simone Salvemini (che incontrerà il pubblico) che racconta del naufragio della motovedetta Kater I Rades, oggi monumento di Otranto dedicato a tutti i migranti morti in maree, Le lesbiche non esistono di e numerosi altri documentari e cortometraggi che uniranno idealmente le sponde di questo ricchissimo e suggestivo mare, in nome dell’amore per il cinema e per le differenze che ci rendono uguali.

Consulta il Il programma

Ufficio Stampa & Comunicazione Valentina Sanseverino                                                                                                          

Fb: Cinema dal Basso
Web: cinemadalbasso.wordpress.com

Mail: cinemadalbasso@gmail.com

Progetto Grafico: Novella Morrone                                                                                            

mercoledi_web

Scarica il programma

Scarica le schede tecniche

emilie-muller

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Antena è un film Argentino, indipendente, scritto e diretto da Esteban Sapir nel 2007. la

Blancanieves è un film muto del 2012 diretto da Pablo Berger, tratto dalla celebre novella dei fratelli Grimm. Raccontato in chiave gotico-drammatica, è ambientato nell’Andalusia degli anni venti.

Il 1º ottobre 2012 nel 60° Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián viene assegnato al film il premio Speciale della Giuria, e laConchiglia d’argento alla migliore attrice a Macarena García.[3] Rappresenterà inoltre la Spagna nell’85ª edizione della cerimonia degli Oscarper il miglior film straniero.[4]

Ha ottenuto 18 nominations per l’edizione 2013 dei Premio Goya, il principale riconoscimento cinematografico spagnolo, vincendo 10 premi, fra i quali miglior attrice e miglior attrice rivelazione.

 

13 Tzameti è un film del 2005, opera prima del regista georgiano Géla Babluani. La pellicola ha vinto nel 2006 il Gran Premio della Giuriaal Sundance Film Festival e due premi al Festival di Venezia.

 

mano_web

“Non lasciateci morire” è il titolo della campagna promozionale ideata dal collettivo di cineaste casertane Cinema dal Basso per promuovere il IV Festival di Cinema Indipendente (31 Maggio – 2 Giugno), l’ormai consueto appuntamento annuale con il meglio del cinema indipendente di tutto il mondo.Un invito provocatorio e originale quello lanciato dagli scatti della fotografa Alessandra Di Bianco, che ritraggono i più celebri personaggi del cinema di tutti i tempi sull’orlo della morte artistica, minacciati dalla depressione, dalla noia e dai pericoli di un mondo esterno al cinema. Un cinema in crisi, che rischia il collasso sotto il peso di un malessere economico e culturale, che se minaccia i “grandi” distrugge letteralmente i piccoli, gli indipendenti: quelli che, da sempre, rappresentano la linfa vitale, la fonte di idee originali, lo sforzo creativo massimo del cinema che più amiamo e a cui spesso i classici circuiti cinematografici e distributivi sbattono le porte in faccia.

In un’era dominata dalla ricezione passiva assicurata dai multisala e dal vuoto assicurato dalle istituzioni, Cinema dal Basso continua a puntare su un’offerta di qualità e sull’invito a un più attivo confronto con la settima arte che non deluderà quanti vorranno sostenere l’iniziativa, non lasciarla morire.

Uno scatto a settimana fino al prossimo 31 Maggio, quando si accenderanno le luci sulla IV edizione del Festival diretto da Giusi Ricciato: un’intensa maratona di tre giorni che ospiterà cortometraggi, lungometraggi, documentari e film d’animazione accuratamente scelti tra le circa 300 opere giunte alla giuria di selezione del festival, realizzata grazie alla collaborazione artistica di Francesco Massarelli e ospitata nell’amichevole e suggestiva cornice del Teatro Civico 14, da sempre in prima linea nel promuovere le più interessanti iniziative artistiche del territorio. Reduci dai successi della scorsa edizione e da mesi di selezione e studio delle migliori opere filmiche dei più prestigiosi festival italiani ed europei, le organizzatrici della manifestazione, Novella Morrone, Valentina Sanseverino e Ilaria Delli Paoli, si preparano ad animare di nuovo la scena culturale casertana con una tre giorni ricca di novità, che trasformerà la nostra città nella vetrina privilegiata di un cinema di qualità, appassionato, originale, lontano dai canali mainstream, che difficilmente vedrete altrove e tra le cui firme si nascondono i grandi nomi del cinema di domani.

In attesa della IV edizione di un Festival che da anni continua a far emozionare, commuovere, ridere e riflettere un pubblico sempre più numeroso e partecipe, Cinema dal Basso è lieta di invitare i suoi fedeli e appassionati sostenitori e quanti ancora non conoscono le sue iniziative, alla preview del Festival, che si svolgerà il prossimo 17 Maggio presso il Teatro Civico 14 dalle ore 18.

Un appuntamento che trascinerà tutti i presenti in un caleidoscopio di emozioni all’insegna di un nuovo cinema: quello contemporaneo in bianco e nero. Direttamente dalla Francia arriva “Emilie Muller” di Yvon Marciano, geniale cortometraggio dal finale sorprendente sull’opportunismo creativo e la creazione di universi a partire dal contenuto di una borsetta. E’argentino invece “La Antena” di Esteban Sapir, dipinto post-apocalittico di un mondo in cui al popolo è stata tolta la voce e la televisione controlla le masse tramite quella della madre di un bimbo senza occhi. Lo spagnolo “Blancanieves” di Pablo Berger, stupefacente e originalissimo omaggio al cinema muto e insieme poetica rivisitazione della fiaba popolare, vi stupirà con un racconto in chiave gotico-drammatica ambientato nell’Andalusia degli anni ’20. A chiudere la manifestazione “13 Tzameti”, opera prima del regista georgiano Géla Babluani: un bianco e nero straniante per un opera dalla suspense allucinante che vi catapulterà nella ferocia di un mondo dominato dalla roulette russa e dal caso

735143_415554401854966_1852183297_n

Domenica 3 febbraio 2013, ore 19.00, l’Ammirato Culture House di Lecce ospiterà l’anteprima salentina del cortometraggio EMILIO, nuovo lavoro del pluripremiato regista Angelo Cretella, prodotto da Blow Up Film, una giovane associazione culturale nata nel 2008 in provincia di Caserta con lo scopo di produrre opere cinematografiche indipendenti e a tema sociale.

Emilio (Sergio Lecci), un ragazzo tanto buono quanto i suo 200 kg di peso, percorre spesso sul suo piccolissimo motorino le strade di campagna che conducono alla masseria dove c’è Alida (Sara Scarpati), una sua amica prostituta. L’affetto criminale del ritrovato fratello Benito (Nandu Popu), appena uscito dal carcere, lo plagerà fino a farlo diventare un uomo violento. Un corto circuito dal quale Emilio proverà ad uscire. Un piccolo romanzo di “de-formazione” che porterà Emilio, “grazie” all’educazione sentimentale del fratello Benito, ad una trasformazione fisica e psicologica.

Il cortometraggio è stato girato interamente nel Salento ed ha accolto tantissime risorse umane del territorio. Preziosa la presenza, nel ruolo di co-protagonista, di Nandu Popu, leader storico, autore e accattivante voce dei Sud Sound System. A fare da sfondo alla storia, le campagne di Guagnano, Salice Salentino, Veglie e la splendida cava di bauxite nei pressi di Otranto.

In un periodo storico che quotidianamente, in Italia, si delinea difficile per le sorti della cultura, il progetto EMILIO nasce come produzione dal basso, un crowdfunding che ha visto il sostegno finanziario di più di cento amici e appassionati i quali hanno contribuito, comprando una quota di partecipazione, alla realizzazione del cortometraggio.

 

 

 

Angelo Cretella nasce nel 1979 a Succivo (Caserta). È laureato in Filosofia all’Università “Federico II” di Napoli. Nel 2004 dirige i corti “Vicine Distanze” e “Casca il mondo Casca la Terra”, opera conservata nell’Archivio della Pace della Regione Campania per i suoi contenuti sociali e che ha ricevuto diversi riconoscimenti. Dirige, inoltre, l’apprezzato cortometraggio “Vietato a qualche minore di 14 anni – VQ14” vincitore in diversi festival del cortometraggio. Nel 2008, dirige il cortometraggio “Non è così”, prodotto dalla Seconda Università degli Studi di Napoli e il video “Baudelaire probabilmente…” per il libro “Il ribelle in guanti rosa” di Giuseppe Montesano. Nel 2009 realizza con la Blow Up Film “Dio (ce)” un documentario sulla provincia di Caserta, la video installazione “Incidente” tratto dal racconto omonimo di Giusi Marchetta contenuto nel libro “Dai un bacio a chi vuoi tue i cortometraggi “Tour De Vie” e “DisAbili” quest’ultimo vincitore, tra agli altri, del premio Amnesty International al 40° Festival Internazionale di Giffoni. Nell’aprile 2011 dirige Leo Gullotta nel film breve Corti tratto dal libro vincitore del premio Calvino 2007 “Dai un bacio a chi vuoi tu” di Giusi Marchetta. Il film breve è nei venti titoli dei migliori corti selezionati ai Nastri d’argento e vince, tra gli altri, il prestigioso Gryphone Award al 42° Festival Internazionale di Giffoni nella categoria Generator +18. Emilio è il suo nuovo lavoro cinematografico che si avvale della partecipazione di Nandu Popu, leader dei Sud Sound System.

 

 

EMILIO

 

diretto da Angelo Cretella

con Nandu Popu, Sergio Lecci, Sara Scarpati

soggetto e sceneggiatura Angelo Cretella, Nicola Pellino, Giusi Ricciato

fotografia Alessandro Lanciato

scenografia Antonio Buccella

audio presa diretta Fabio Sorrentino

montaggio Andrea De Fabrizio

operatore Antonio Iodice

edizione Ilaria Delli Paoli

produttore esecutivo Roberto Solofria

progetto grafico Grafite111

trucco Valentina Stifani

una produzione Blow Up Film

in collaborazione con Mutamenti Soc. Coop. – Virulentia Film – Ass. Cinecaffè Lecce

 

 

Date:

 

3 febbraio 2013, ore 19.00

Ammirato Culture House, Via di Pettorano 3, Lecce

(anteprima riservata alla stampa e ai partecipanti al progetto – il presente comunicato vale come invito per la stampa)

 

4 febbraio 2013, ore 20.30

Arci Rubik, Via Cellino 5, Guagnano (Le)

 

5 febbraio 2013, ore 20.30

MAD Campi Salentina, via Taranto

 

6 febbraio 2013, ore 21.30

Km97, Via della Ferrandina, Lecce

 

7 febbraio 2013, ore 21.00

Arci Paisà, Via Vittorio Emanuele 14, Maruggio (Ta)

Immagine  —  Pubblicato: 25 gennaio 2013 in info cinema dal basso
Tag:, , , , , , , , , , , , ,